25 maggio 2010 - Pace del Mela - Convegno: Amianto e Giustizia

25 maggio 2010

ore 17.30

 

Auditorium del Comune

di Pace del Mela (Me)

 

Convegno:

"Amianto e Giustizia"

Relatori:

Avv. Ezio Bonani

Legale delle Associazioni dei Lavoratori e delle Vittime dell'Amianto

Autore del libro: "Lo Stato dimentica l'Amianto killer"

 

on. Domenico Scilipoti

Deputato della Camera - Componente della VIII Commissione Ambiente, Territorio e LL.PP.

 

Sindaci comprensorio del Mela

Locandina formato Jpg
LOCANDINA_PACE DEL MELA_25-05-2010.jpg
Formato JPG 725.0 KB
Locandina formato Pdf
25-05-2010_Pace_del_Mela.pdf
Documento Adobe Acrobat 752.5 KB
Manifesto formato Jpg
MANIFESTO_PACE DEL MELA_25-05-2010.jpg
Formato JPG 572.8 KB
Manifesto formato Pdf
25-05-2010_Pace_del_Mela_Manifesto.pdf
Documento Adobe Acrobat 1.1 MB

Scrivi commento

Commenti: 3
  • #1

    Giuseppe Conti (mercoledì, 19 maggio 2010 17:11)

    Desidero esprimere sinceri ringraziamenti all'Onorevole Domenico Scilipoti e all'Avv. Ezio Bonanni per la determinazione e l'impegno che ci mettono per la pobblematica amianto.Nella speranza di essere presente al Convegno di giorno 25/05/2010 a Pace del Mela, colgo l'occasione, per denunciare il comportamento inadeguato dell' INAIL di Milazzo per il riconoscimento dell' esposizione all'amianto ad un gruppo residuo di lavoratori con almeno 10 anni di esposizione della centrale Edipower ex Enel di San Filippo del Mela ai quali nonostante diverse sentenze del tribunale di Barcellona, tutte favorevoli ai lavoratori anche a seguito di due corpose CTU nominate dallo stesso Tribunale hanno sancito l'esposizione qualificata all'amianto L'Inail si ostina a riconoscere per via amministrativa quello che già le citate sentenze hanno riconosciuto ai colleghi con i quali si è lavorato gomito a gomito nello stesso reparto e con le stesse mansioni.Inoltre con la lentezza della Giustizia (4 anni e siamo ancora a nulla)oltre alla discriminazione subita,si sta perpetrando una ultriore ingiustizia in quanto alcuni di questi lavoratori ,me conpreso, nel frattempo, siamo stati messi dalla Azienda in mobilità.Pertanto c'è il rischio forte a fine mobilità di restare,senza lavoro e senza pensione.

  • #2

    Giuseppe Conti (lunedì, 24 maggio 2010 14:44)

    Desidero esprimere sinceri ringraziamenti all’Onorevole Domenico Scilipoti e all’Avv. Ezio Bonanni per la determinazione e l’impegno che ci mettono per la problematica amianto.Nella speranza di essere presente al Convegno di giorno 25/05/2010 a Pace del Mela, colgo l’occasione, per denunciare il comportamento inadeguato dell’ INAIL di Milazzo per il riconoscimento dell’ esposizione all’amianto ad un gruppo residuo di lavoratori con almeno 10 anni di esposizione della centrale Edipower ex Enel di San Filippo del Mela ai quali nonostante diverse sentenze del tribunale di Barcellona, tutte favorevoli ai lavoratori anche a seguito di due corpose CTU nominate dallo stesso Tribunale hanno sancito l’esposizione qualificata all’amianto. L’Inail si ostina a riconoscere per via amministrativa quello che già le citate sentenze hanno riconosciuto ai colleghi con i quali si è lavorato gomito a gomito nello stesso reparto e con le stesse mansioni.Inoltre con la lentezza della Giustizia (4 anni e siamo ancora a nulla)oltre alla discriminazione subita,si sta perpetrando una ulteriore ingiustizia in quanto alcuni di questi lavoratori ,me conpreso, nel frattempo, siamo stati messi dalla Azienda in mobilità.Pertanto c’è il rischio forte a fine mobilità di restare,senza lavoro e senza pensione.
    Proprio in questi giorni,ancora una volta, L’Inail di Milazzo disattendendo la sentenza del TAR del Lazio n: 5750/09 che è esecutiva in quanto ,il Consiglio di Stato nella prima udienza del 04/05/2010 ha rigettato la richiesta di sospensiva,sta comunicando ai lavoratori interessati, il diniego al riconoscimento dell’esposizione all’amianto aggravando ulteriormente la discriminazione fra lavoratori dello stesso posto di lavoro,dello stesso reparto e con le stesse mansioni. A questo proposito, chiedo all’Avv. Bonanni di intraprendere, tutte le iniziative che ritiene necessarie nei confronti dell’ Inail di Milazzo a tutela dei danni patrimoniali e non patrimoniali, patiti e patiendi dai lavoratori oggetto di tale discriminazione. Infine desidero denunciare con comprensibile sconcerto la lungaggine che sta subendo il ricorso al giudice del lavoro per avere (si spera) il legittimo riconoscimento dell’esposizione all’amianto alla pari degli altri lavoratori.

  • #3

    Elvin (domenica, 22 luglio 2012 09:17)

    I was very pleased to find this website. I wanted to thank you for your time for this wonderful post!! I definitely enjoy reading it and I have you bookmarked to check out new stuff you blog post.