Risarcimento danni per utilizzo di sangue contaminato

L’Avv. Ezio Bonanni ha maturato una significativa esperienza in ordine alla tutela legale dei cittadini danneggiati per l’utilizzo di sangue infetto nelle trasfusioni e nella produzione di medicinali, al fine di ottenere l’indennizzo di cui alla legge 210/92, oltre al risarcimento di tutti i danni, patrimoniali e non patrimoniali.

Nelle voci “L’indennizzo a favore dei soggetti danneggiati da sangue infetto” e “Risarcimento dei danni causati dall’utilizzo di sangue infetto”, relative alla definizione giuridica delle variegate fattispecie di enorme allarme sociale e di rilevante incidenza sui diritti della persona, in relazione ad emotrasfusioni ovvero a prodotti con utilizzazione di sangue infetto, che hanno cagionato decine e decine di casi di epatiti e altri gravi casi di patologie, e che hanno portato all’intervento legislativo di cui alla legge 210/92, si potranno trovare approfondimenti in ordine alla possibilità di chiedere l’indennizzo, e la relativa erogazione, oltre ai termini e alle modalità con cui agire per il risarcimento integrale dei danni a carico dei responsabili.

Con la consultazione della voce

· L’indennizzo a favore dei soggetti danneggiati da sangue infetto

è possibile acquisire ogni notizia utile in ordine al diritto all’indennizzo di cui alla legge 210/92.

Con la consultazione della voce

· Risarcimento dei danni causati dall’utilizzo di sangue infetto

si possono acquisire tutti i termini giuridici per poter agire per il risarcimento integrale di tutti i danni (anche in relazione alla decorrenza dei termini della prescrizione decennale, e del nesso causale, nei termini specificati da Cass. Sez. Unite 581 del 2008).

 

Se necessario, l’Avv. Ezio Bonanni potrà essere contattato all’indirizzo e-mail: avveziobonanni@gmail.com, oppure al n. 0773/663593, al fine di rendere ogni ulteriore informazione utile e per ogni ulteriore chiarimento, oltre che per fissare un appuntamento presso il suo studio di Roma, Via Crescenzio n. 2, sc. B, int. 3, oppure presso il suo studio di Latina, Via Svetonio n. 16, int. 4.